Bussola di navigazione: Home

Home

Vai a pagina => 1 2 3

 

varietà e Varietà....un equivoco da chiarire di C. Criscuolo

Ancora una volta mi è stato fatto notare che da quel che scrivo risalta una mia naturale avversione alle “varietà” per cui opportuno che chiarisca  il mio pensiero sull’ argomento. Non sono contrario tendenzialmente o per preconcetto alle “Varietà” che, anzi, considero il sale di una collezione filatelica perché documentano un errore nella procedimento di realizzazione.................

 

vai all'articolo 

JOE PETROSINO di A. Caminiti

Il poliziotto italo - americano Joe Petrosino fu una delle prime vittime illustri della Mafia, questo antico cancro che corrode la Sicilia, la rende invisa nell’immaginario nazionale e mondiale quale terra di prepotenti boss che ne influenzano vita sociale, sviluppo economico e sbocco politico. Le avventurose vicende del citato poliziotto hanno sempre destato l’interesse del pubblico statunitense ed italiano, tanto che l’attore Leonardo Di Caprio ha recentemente interpretato la figura di questo detective ormai diventato un mito anche dopo 108 anni dalla sua morte.

ASTA LUGLIO 2017 - RISULTATI

002 (12) – 006 (7) – 008 (10) - 009 (21) - 011 (81) – 017 (5) – 020 (6) – 022 (8) – 023 (5) – 024 (10) – 25 (7) - 26 (15) - 030 (48) – 31 (8) – 032 (8) - 033 (56) – 034 (25) – 035 (26) – 038 (8) – 039 (20) – 040 (12) – 041 (10) – 045 (33) - 049 (11) – 050 (11) – 051 (16) – 052 (48) – 053 (26) – 054 (12) – 055 (12) - 056 (61) – 059 (31) – 060 (16) – 062 (17) – 063 (26) – 064 (38) – 065 (16) – 068 (16) – 069 (18) – 070 (16) – 071 (5) – 072 (42) – 073 (8) – 074 (16) – 077 (12) – 087 (11) – 093 (25) - 099 (16) – 100 (12) - 102 (40) – 105 (10) – 108 (10) – 109 818) - 110 (20) – 113 (10) – 115 (8) - 116 (8) – 122 (11) - 123 (36) – 126 (12) – 128 (7) – 136 (84) – 137 (6) – 145 84) – 146 (5) – 148 (8) - 153 (8) – 156 (10) – 157 (5) – 160 (4) – 161 (4) – 164 (12) – 168 (24) - 171 (12) – 177 (4) – 178 (8) – 181 (8) - 182 (15) - 189 (4) – 194 (4) – 192 (7) – 196 (8) - 198 (10) – 200 (10) – 201 (8) – 202 (10) – 205 (9) - 206 (4) – 207 (5) – 208 (5) – 209 (5) – 210 (4) – 211 (9) - 212 (8) – 214 (9) – 215 (9) – 216 (10) – 217 (9) – 218 (9) – 219 (9) – 221 (9) – 223 (9) - 225 (9) – 226 (18) – 227 (11) – 229 (13) – 230 (4) – 232 (5) - 235 (17) – 236 (8) – 238 (4) – 240 (10) - 244 (4) - 243 (9) – 247 (6) – 248 (6) - 249 (13) – 250 (13) - 251 (7) – 252 (6) – 253 (7) – 254 (6) - 255 (6) – 256 (8) - 257 (8) – 258 (6) – 259 (6) – 260 (8) – 261 (8) – 262 (11) – 263 (11) – 264 (12) – 265 (12) – 266 (30) - 268 (12) – 269 (16) – 270 (12) - 266 (30) – 270 (12) – 271 (4) - 272 (12) - 276 (7) - 283 (8) – 284 (7) – 285 (7) – 287 (7) – 288 (7) – 291 (7) – 293 (9) – 294 (8) - 295 (11) – 297 (12) - 298 (10) – 301 (6) – 302 (5) – 303 (8) – 304 (5) – 307 (18) – 309 (7) - 310 (7) – 311 (7) – 313 (6) – 314 (6) – 316 (8) – 317 (12) - 321 (7,5) – 322 (12) – 324 (8) - 328 (6,5) – 329 (7) – 331 (7) – 332 (7) – 333 (11) - 335 (6) - 337 (6) – 338 (5) – 340 (5) – 342 (7) – 343 (8) – 344 (5) – 345 (5) – 346 (5) – 347 (5) – 348 (5) – 349 (5) - 350 (20) - 353 (6) – 354 (89 – 355 (11) – 356 (6) – 357 (5) – 358 (5) – 359 (6) – 360 (5) – 361 (5) – 362 (5) – 363 (6) – 364 (8) – 365 (8) – 366 (11) – 367 (11) - 369 (6) – 370 (6) - 371 (6) - 372 (6) – 374 (5) – 377 (12) - 378 (16) –  381 (20) - 382 (21) – 383 (16) –  388 (3) - 389 (4) – 390 (7) -  393 (3) – 400 (3) - 401 (7) – 402 (3) – 404 (7) – 405 (7) - 406 (6) – 409 (8) - 410 (18) – 412 (7) - 424 (13) – 428 (18) – 429 (26) – 430 (36) -  431 (26) – 434 (38).

La Soffitta N.ro 75 GIUGNO 2017

VAI AL NOTIZIARIO

 Cari Amici,
avrei voluto attendere che il “progetto” accennato nel precedente notiziario raggiungesse una forma ben delineata così da poterlo presentare alla vostra  attenzione ma ho considerato che in tal modo sarebbe in pratica saltato, anche causa il periodo estivo che mi vedrà per oltre un mese rifugiato nell’ ombrosa campagna off line, il numero di giugno con la corposa annunciata cedolista. Dunque sarà il notiziario di fine settembre a riportare nel dettaglio il  “progetto” elaborato in simbiosi con il giovane Paky Borrelli che, come per la realizzazione dei volumetti pubblicati nel 2015 e 2016, si sobbarcherà di fatto il carico dell’ operazione. Non vi anticipo altro se non che questa volta si tratterà di un passaggio fortemente innovativo, proiettato verso un futuro che peraltro è già dei nostri giorni pur se il cosmo dei collezionisti sembra non essersene accorto. I tempi cambiano e sempre più velocemente per cui facile restare indietro specie se si rigetta l’ innovazione come fattore negativo mentre occorre restare al passo tentando di cogliere del nuovo i risvolti positivi. In tale convinzione la copertina che, come avrete notato, propone non il consueto oggetto storico-postale bensì il logo del “TARIFFARIO” ovvero uno strumento informatico che consente, per mezzo di un computer oppure di un portatile smartphone, di ritrovare o confermare una qualsiasi tariffa nel periodo 1861-2017. Un passo importantissimo che apre scenari in cui nuove strade tendono a semplificare e, soprattutto, a fornire, sulla base di dati verificati, certezze là dove finora non si poteva che affidarsi a deduzioni considerate attendibili sulla sola base del prestigio collezionistico di coloro che le propagandavano. Dunque sbagliano, e non di poco, gli assertori del declino definitivo del collezionismo che invece muterà aspetto specie per mezzo dell’ informatizzazione che, consentendo facilmente e in tempo reale la verifica, eviterà al collezionista d’ incappare in buona parte di quelle trappole che finora disseminate producendo l’ allontanamento di tanti che ne hanno subito i danni e tenendo distanti quelli che avvicinandosi hanno avuto sentore del pericolo. Non desidero annoiarvi di più con le mie elucubrazione per cui vi lascio, spero al piacere, della lettura e con l’ augurio di un sereno periodo di vacanze. Arrivederci a settembre.

CEDOLISTA GIUGNO 2017

Cari Soci,

non proprio corposa numericamente come mi avevo prefisso comunque interessante per l' effettiva rarità e, come al solito, per i prezzi. Ho notato che alcuni commercianti offrono su piattaforme di vendita on line tipo ebay, delcampe, etc. “singoli isolati” a prezzi di gran lunga superiore e non per viaggiati all' estero in alcuni periodi che sono totalmente assenti. A proposito ringrazio il socio che si è lasciato convincere a inviare per la cessione tutto quanto disponeva in doppio del carteggio “finlandese” consentendo, come potrete vedere, un nutrita elencazione che, purtroppo, non sarà più possibile in futuro. Consiglio dunque di approfittare perché oggettivamente si tratta di materiale non reperibile e per rendersene conto sarà sufficiente navigare sulle citate piattaforme di vendita on line oppure chiedere, come ho fatto, ai commercianti avendo la risposta che non trattano materiale di scarso valore salvo poi a chiedervi, per qualche pezzo disponibile, cifre non proprio insignificanti. Da tenere anche presente  la diffusione del “Tariffario” elettronico che, consentendo di accertare con immediatezza la rispondenza tariffaria e per gli “isolati” il periodo d' uso possibile, produrrà un ulteriore aumento dei collezionisti di tale tipologia per i quali non sarà affatto facile reperire oggetti causa reale assenza di accumulazioni per il passato e insignificante uso per il contemporaneo. A riguardo ho certezza che un mercante, consapevole della difficoltà di reperire “isolati” dei nostri giorni, ha predisposto un “servizio” per fornire tale tipologia così da consentire il prosieguo della collezione stante la quasi impossibilità di reperire fortunosamente qualcosa specie per le tariffe estere. In considerazione di quanto esposto consiglio i soci che dalle precedenti cedoliste hanno tratto “isolati” di accaparrarsi qualche doppio nella certezza che potrà poi essere scambiato con altri mancanti  Anche i soci che non limitano a tale settore o che propendono verso altre tipologie troveranno lotti interessanti specie in settori non proprio facili come “colonie”, “occupazioni”, etc.
A sentire commercianti, e non solo, sembrerebbe che il mercato filatelico sia ormai del tutto azzerato o quasi ma se poi diamo uno sguardo a Veronafil in quanto ad affluenza allora posso testimoniare che si tratta di una sonora balla come peraltro è confermato dai risultati delle aste. La verità è che il collezionismo ha subito una giusta evoluzione nel senso che la paccottiglia è divenuta invendibile per mancanza di quegli acquirenti che credevano all' asino che vola. Ormai si cerca sempre più la rarità oggettiva e difficilmente ci si lascia abbindolare dalle strombazzature di cataloghi e riviste specializzate mentre sopravvive ancora una  tendenza alle “novità” proposte dalle Poste (folder, etc,) che assorbe soldi che secondo me potrebbero  meglio essere spesi. Purtroppo si dimentica  che il vino  se ottimo mal che vada diventa un buon aceto mentre se pessimo sarà poi solo da buttare. 
A tutti l' augurio di potere aggiudicarsi i lotti di proprio interesse.  

VALUTAZIONE per “SINGOLI ISOLATI” di C. Criscuolo

Alcuni amici tra quanti seguono i miei articoletti sui “singoli isolati” mi hanno fatto da tempo notare che non ho mai scritto una riga in quanto a valutazione. Per la verità da sempre mi  tengo lontano dall’ esprimere valutazioni e, soprattutto, quotazioni mercantili sia perché non ho competenze settoriali sia perché convinto che occorrerebbe innanzitutto stabilire una scaletta in ordine ai diversi oggetti postali perché indiscutibilmente un “saggio medicinali” è meno comune di una “lettera 1°”.  ...............................

Rubrica a cura del socio  P. Borrelli che propone  all' attenzione del lettore problemi postali la cui soluzione sarà pubblicata nel notiziario seguente. 

VAI AL ROMPICAPO

PERIODI TARIFFARI di C. Criscuolo

Uno dei parametri essenziali da tenere presente per una corretta valutazione delle affrancature è la durata del periodo tariffario perché logica vuole che una tariffa  in uso per breve tempo debba considerarsi di maggior pregio della  corrispondente utilizzata per un tempo più lungo. Documentare un periodo tariffario rappresenta un esercizio interessante che peraltro può condurre a piacevoli scoperte come affrancature che a prima vista .....

PUBBLICITÀ E STORIA POSTALE di V. de Martino - V. Panchenko

Una delle ragioni che rendono infrequente l’ utilizzo dei francobolli, specialmente se commemorativi, sulla posta spedita tra privati, è stata individuata nella riduzione di questa determinata sia da una modifica delle manifestazioni di socialità nell’ ambito della nostra società, sia dalla moltiplicazione dei mezzi di espressione della stessa oggi costituiti da strumenti alternativi alla spedizione di materiali cartacei affrancati. Gli auguri, le condoglianze, le manifestazioni di ricordo amicale…., benché queste ultime siano prive del requisito della stabilità dei contenuti e nel tempo,  che non alle missive ed alle cartoline, ai telegrammi ed agli oggetti postali.

continua

SICILIA A.M.G. : AVVISO DI RICEVIMENTO di R. Forloni

  Mai comuni gli AA.RR. in Sicilia durante l’ occupazione alleata ma è la tipologia del modulo che non conoscevo che mi è apparsa di particolare interesse. Difatti non è predisposto, come di consueto, lo spazio riservato al francobollo. Sembrerebbe del tipo riservato agli Atti Giudiziari e il mittente, ufficiale giudiziario 

continua

LO STATO SERBO nella 2^ guerra mondiale 1941 – 1944 di V. de Martino

A seguito dell’ occupazione da parte dell’ Asse nell’Aprile del 1941 del regno di Iugoslavia fu formato un uno Stato serbo di fatto sotto il comando tedesco, ufficialmente guidato dal generale Milan Nedic che presiedeva un GOVERNO DI SALVEZZA NAZIONALE (Vlada Nacionalnog Spasa) in nome del re Petar II assente e non consenziente.  Comprendeva la parte centrale della Serbia, la zona nord del Kossovo e la regione autonoma del Banato.

continua

 




Filatelia e storia postale - Powered by Konomedia