Bussola di navigazione: Home

Home

Vai a pagina => 1 2 3

 

CEDOLISTA APRILE. 2018 - RISULTATI : N° (Euro)

 1 (70) - 2 (RITIRATO) - 4 (81) - 5 (18) –  7 (21) – 10 (8) – 13 (12) – 14 (12) -  15 (89 - 16 (8) -  18 (8) – 20 (20) – 22 (7) – 23 (109 – 24 (8) – 25 (5) - 27 (67) – 28 (32) – 29 (32) – 30 (41) - 31 (8) – 32 (15) – 33 (16) –  36 (65) – 38 (26) – 39 (12) – 40 (13) – 43 (26) – 44 (17) – 45 (21) – 47 (18) –   55 (8) – 56 (67) – 61 (13) – 66 (10) – 67 (16) - 69 (37) – 70 (32) – 71 (18) – 73 (41) - 74 (26) – 75 (16) – 76 (16) –  77 (24) – 78 (25) – 79 (20) – 80 (13) – 81 (18) – 83 (5) –  87 (5) - 90 (16) -  94 (6) –  95 (12) - 96 (14)  – 97 (15) – 104 (4,5) – 106 (11) -  110 (11) – 119 (85) –  125 (14) – 130 (55) -133 (12) –  136 (6) – 141 (10) – 144 (9) – 145 (9) –  147 889 – 148 889 – 149 (9) - 151 (10) – 152 (14) – 154 88) – 155 (8) - 157 (13) –  158 (18) – 164 (21) - 166 (5,5) – 168 (13) – 169 (8,5) - 170 (14) -171 (16) – 175 (13) – 179 (7,5) – 180 (7,5) – 181 (7,5) – 182 (15) - 184 (7,5) – 185 (89 – 187 (109 -  190 (5,5) –  191 (8,5) – 192 (8,5) – 193 (11) – 195 (11) – 196 (11) – 197 (7) -  198 (6,5) – 199 (11) –   204 (8,5) – 205 (8,5) – 206 (28) -  207 (7) – 208 (9) – 209 (8,5) – 210 (15) –212 (11) – 213 (7) – 214 (7,5) – 215 (7,5) –  216 (11) – 217 (11) – 219 (6,5) – 220 (6,5) -  222 (7) – 225 (11) - 227 (18) -  229 (20) – 230 (17) – 232 (18) – 233 (20) 

I LOTTI NON CEDUTI RESTANO DISPONIBILI FINO ALLA PROSSIMA CEDOLISTA 

La Soffitta N.ro 78 MARZO 2018

 VAI AL NOTIZIARIO

 Cari amici,
ormai pronta la bozza di stampa del nuovo volumetto che avrebbe dovuto presentare altri scritti del grande esperto G. Chiavarello dopo il successo del precedente (esaurito in tre giorni), che aveva stimolato a procedere in tal senso, ma intoppo inaspettato ha consigliato di soprassedere fino a che non possa trovare soluzione il problema scaturito dal fatto che oltre a raccogliere articoli e pagine sparse in varie riviste specializzate il volumetto avrebbe incluso integralmente lo studio  su “I francobolli delle isole Jonie 1941-1944 e la perizia delle soprastampe” importante per delineare la statura professionale del Maestro, opera che però, come mi è stato fatto notare, è coperta da “diritti riservati” per cui sembrerebbe necessaria una qualche autorizzazione. Purtroppo non sapevo che il nostro Principe avesse eredi come ho appreso da persona che al Maestro fu  legato da vincoli di profonda amicizia e alla quale mi ero rivolto per una testimonianza introduttiva. Spero riuscire a contattare un qualche familiare del reputando doveroso presentare l’ iniziativa al di là della richiesta di eventuali autorizzazioni. Con il prossimo notiziario vi informerò sugli sviluppi auspicando un positivo risultato altrimenti dirotteremo, pur non volendo,  verso altre mete. 
Mi scuso con tutti voi per il negativo evento e soprattutto con il Dr. P. Borrelli che si è sobbarcato il peso della ricerca, assemblaggio, digitalizzazione, etc. assicurando che mi attiverò al meglio delle mie possibilità perché tale fatica non vada dispersa.
Era mia intenzione presentarvi come sorpresa pasquale la pubblicazione del nuovo volumetto purtroppo l’ uovo è risultato vuoto ma rimane pur sempre la cioccolata .
A tutti l’ augurio di  una FELICE  PASQUA.

CEDOLISTA MARZO 2018

Cari Amici,
perchè sempre meno lotti di filatelia? mi chiede un socio di antica data lamentando un evidente cambio direzionale verso la storia postale che negli ultimi anni ha sempre più sottratto spazio al tradizionale settore dei francobolli sciolti. Vero è che da sempre mi sono dedicato alla storia postale per cui si potrebbe ipotizzare una intromissione in tal senso mentre non si tratta di  scelta perché inserisco in cedolista il materiale messo a disposizione dai soci che evidentemente hanno considerato perseguire tale comparto. Peraltro non sono contrario alla filatelia tanto è che tempo addietro ho pubblicato un articoletto sulla falsa contrapposizione tra “filatelia” e “storia postale” considerando il francobollo sciolto, nuovo o usato, come “documento di storia postale”.
     La nuova cedolista pur non particolarmente consistente per quantità presenta, ancora una volta, materiale significativo e non comune quanto non oggettivamente raro al contrario di quanto si potrebbe credere  specie per la parte moderna o addirittura recente. Antico-raro è una falsa correlazione di cui spesso approfittano gli speculatori per ammantare di pseudorarità oggetti comunissimi e in quanto tali di nessun valore effettivo. La rarità oggettiva, pur più affascinante se antica, non perde la sua valenza in quanto a probabilità di reperimento se moderna e la reale valutazione non può prescindere da tale parametro anche perché il fascino, specie se sollecitato ad arte, ha prodotto sempre conseguenze disastrose nell' ottica economica. 
     Ricerco per la mia collezione di “isolati” alcuni valori del periodo “repubblica” che in quanto moderni dovrebbero essere di facile reperibilità mentre finora non ho  mai visto nonostante mi sia attivato presso strutture mercantili di vario livello. Più semplice reperire sbandierate “rarità” come “francobolli naturali”, “trasvolate” e “Gronchi rosa” nuovi con gomma integra, etc.etc. Sufficiente avere le disponibilità finanziarie e la casella d' album è riempita. Ben diversamente per documentare un passaggio storico-postale perché non bastante il potafogli rigonfio come  ben  sanno  i Collezionisti.
        A tutti l' augurio di trovare oggetti per le proprie collezioni.

varietà e Varietà....un equivoco da chiarire di C. Criscuolo

Ancora una volta mi è stato fatto notare che da quel che scrivo risalta una mia naturale avversione alle “varietà” per cui opportuno che chiarisca  il mio pensiero sull’ argomento. Non sono contrario tendenzialmente o per preconcetto alle “Varietà” che, anzi, considero il sale di una collezione filatelica perché documentano un errore nella procedimento di realizzazione.................

 

vai all'articolo 

VALUTAZIONE per “SINGOLI ISOLATI” di C. Criscuolo

Alcuni amici tra quanti seguono i miei articoletti sui “singoli isolati” mi hanno fatto da tempo notare che non ho mai scritto una riga in quanto a valutazione. Per la verità da sempre mi  tengo lontano dall’ esprimere valutazioni e, soprattutto, quotazioni mercantili sia perché non ho competenze settoriali sia perché convinto che occorrerebbe innanzitutto stabilire una scaletta in ordine ai diversi oggetti postali perché indiscutibilmente un “saggio medicinali” è meno comune di una “lettera 1°”.  ...............................

Rubrica a cura del socio  P. Borrelli che propone  all' attenzione del lettore problemi postali la cui soluzione sarà pubblicata nel notiziario seguente. 

VAI AL ROMPICAPO

PERIODI TARIFFARI di C. Criscuolo

Uno dei parametri essenziali da tenere presente per una corretta valutazione delle affrancature è la durata del periodo tariffario perché logica vuole che una tariffa  in uso per breve tempo debba considerarsi di maggior pregio della  corrispondente utilizzata per un tempo più lungo. Documentare un periodo tariffario rappresenta un esercizio interessante che peraltro può condurre a piacevoli scoperte come affrancature che a prima vista .....

PUBBLICITÀ E STORIA POSTALE di V. de Martino - V. Panchenko

Una delle ragioni che rendono infrequente l’ utilizzo dei francobolli, specialmente se commemorativi, sulla posta spedita tra privati, è stata individuata nella riduzione di questa determinata sia da una modifica delle manifestazioni di socialità nell’ ambito della nostra società, sia dalla moltiplicazione dei mezzi di espressione della stessa oggi costituiti da strumenti alternativi alla spedizione di materiali cartacei affrancati. Gli auguri, le condoglianze, le manifestazioni di ricordo amicale…., benché queste ultime siano prive del requisito della stabilità dei contenuti e nel tempo,  che non alle missive ed alle cartoline, ai telegrammi ed agli oggetti postali.

continua

SICILIA A.M.G. : AVVISO DI RICEVIMENTO di R. Forloni

  Mai comuni gli AA.RR. in Sicilia durante l’ occupazione alleata ma è la tipologia del modulo che non conoscevo che mi è apparsa di particolare interesse. Difatti non è predisposto, come di consueto, lo spazio riservato al francobollo. Sembrerebbe del tipo riservato agli Atti Giudiziari e il mittente, ufficiale giudiziario 

continua

LO STATO SERBO nella 2^ guerra mondiale 1941 – 1944 di V. de Martino

A seguito dell’ occupazione da parte dell’ Asse nell’Aprile del 1941 del regno di Iugoslavia fu formato un uno Stato serbo di fatto sotto il comando tedesco, ufficialmente guidato dal generale Milan Nedic che presiedeva un GOVERNO DI SALVEZZA NAZIONALE (Vlada Nacionalnog Spasa) in nome del re Petar II assente e non consenziente.  Comprendeva la parte centrale della Serbia, la zona nord del Kossovo e la regione autonoma del Banato.

continua

 




Filatelia e storia postale - Powered by Konomedia